Menu
A+ A A-

Terza Pagina

L’ACQUA: UMILE, UTILE, PREZIOSA E CASTA, FRANCESCO AVEVA VISTO GIUSTO

acqua

di felice magnani

Nel Cantico delle Creature Francesco loda il Signore per sorella acqua. Umile, utile, preziosa e casta, ecco come il santo di Assisi definisce questa creatura. L’acqua, secondo Francesco, non fa differenze, non rivendica primati, è fortemente radicata alla terra, ne è parte costitutiva, risponde ai bisogni e alle necessità di tutti gli uomini, tutti, nessuno escluso, e per questo ha bisogno di essere amata, rispettata, fatta vivere, distribuita, rafforzandone il carattere popolare, l’umanità, la disponibilità. Umiltà come bene di tutti, senza distinzione di sesso, razza, religione, cultura, stato sociale, bene che non guarda in faccia nessuno dunque, che conosce a memoria le necessità umane. Una umiltà, quella dell’acqua, che si concilia con la sua utilità, che s’identifica con la vita, i suoi bisogni, il suo esserne parte integrante. Per Francesco l’acqua è preziosa, di una preziosità da conservare e proteggere, è come se volesse metterci in guardia dagli sprechi, da una condizione di asservimento e di subalternità, da qualsiasi forma di dominanza o di assolutismo. La preziosità è un dono e come tale Francesco lo canta, forse per dimostrare che la vita scorre in tutte le creature, sempre. In questo spirito si posiziona l’attenzione delle massime istituzioni mondiali, come l’ONU ad esempio, ma non solo. Anche papa Francesco ha richiamato l’attenzione del mondo sull’importanza dell’acqua e sulla necessità di proteggerla, proprio in occasione della giornata mondiale dell’acqua. “Oggi ricorre la giornata mondiale dell’acqua, promossa dalle Nazioni Unite. L’acqua è elemento essenziale per la vita e dalla nostra capacità di custodirlo e di condividerlo dipende il futuro dell’umanità. Incoraggio pertanto la comunità internazionale a vigilare affinché le acque del pianeta siano adeguatamente protette e nessuno sia escluso o discriminato nell’uso di questo bene, che è un bene comune per eccellenza”. Come si può notare il papa, in perfetta sintonia con il santo di Assisi e in linea con l’enciclica Laudato sì, con cui ha voluto fare il punto sulla situazione del pianeta, esprime ancora una volta l’importanza dell’acqua come bene comune per eccellenza, nei confronti del quale occorre adottare comportamenti adeguati, rispettosi dei grandi valori della creazione, che vedono al centro i bisogni e le necessità di tutti gli esseri viventi, in particolare dell’uomo.

CARTA EUROPEA DELL’ACQUA

CONSIGLIO D’EUROPA (STRASBURGO, MAGGIO 1968).

  1. Non c’è vita senza acqua. L’acqua è un bene prezioso indispensabile a tutte le attività umane. L’acqua cade dall’atmosfera sulla terra dove arriva principalmente sotto forma di pioggia o di neve. Ruscelli, fiumi, ghiacciai sono le grandi vie attraverso le quali l’acqua raggiunge gli oceani. Durante il suo viaggio essa è trattenuta dal suolo, dalla vegetazione, dagli animali. L’acqua fa ritorno all’atmosfera principalmente per evaporazione e per traspirazione vegetale. Essa è per l’uomo, per gli animali e per le piante un elemento di prima necessità. Infatti l’acqua costituisce i due terzi del peso dell’uomo e fino ai nove decimi del peso dei vegetali. Essa è indispensabile all’uomo come bevanda e come alimento, per la sua igiene e come sorgente di energia, materia prima di produzione, via per i trasporti e base delle attività ricreative che la vita moderna richiede sempre di più.

  1. Le disponibilità di acqua dolce non sono inesauribili. E’ indispensabile preservarle, controllarle e, se possibile, accrescerle.

In conseguenza dell’esplosione demografica e del rapido aumento delle necessità dell’agricoltura e dell’industria moderne, le risorse idriche formano oggetto di una richiesta crescente. Non potremo soddisfare questa richiesta, né elevare il livello di vita, se ciascuno di noi non imparerà a considerare l’acqua un bene prezioso, che occorre preservare e razionalmente utilizzare.

  1. Alterare la qualità dell’acqua significa nuocere alla vita dell’uomo e degli altri esseri viventi che da essa dipendono. L’acqua nella natura è un mezzo vitale che ospita organismi benefici i quali contribuiscono a mantenere la qualità. Contaminandola, rischiamo di distruggere questi organismi, alterando così il processo di auto depurazione e modificando in maniera sfavorevole e irreversibile il mezzo vitale. Le acque di superficie e le acque sotterranee devono essere preservate dalla contaminazione. Ogni scadimento importante della quantità o della qualità di un’acqua corrente o stagnante rischia di essere nocivo per l’uomo e per gli altri esseri viventi animali e vegetali.

  1. La qualità dell’acqua deve essere mantenuta in modo da poter soddisfare le esigenze delle utilizzazioni previste, specialmente per i bisogni della salute pubblica. Queste norme di qualità possono variare a seconda delle diverse destinazioni dell’acqua, e cioè per l’alimentazione, per i bisogni domestici, agricoli e industriali, per la pesca e per le attività ricreative. Tuttavia, poiché la vita nei suoi infiniti diversi aspetti è condizionata dalle molteplici qualità delle acque, si dovrebbero prendere delle misure volte ad assicurare la conservazione delle proprietà naturali dell’acqua.

  1. Quando l’acqua, dopo essere stata utilizzata, viene restituita all’ambiente naturale, deve essere in condizioni tali da non compromettere i possibili usi dell’ambiente, sia pubblici che privati. La contaminazione è una modifica, provocata generalmente dall’uomo, della qualità dell’acqua, tale da renderla inadatta o dannosa al consumo da parte dell’uomo, all’industria, all’agricoltura, alla pesca, alle attività ricreative, agli animali domestici ed ai selvatici. Lo scarico di residui di lavorazione o di acque usate, che provoca contaminazione d’ordine fisico, chimico, organico, termico o radioattivo, non deve mettere in pericolo la salute pubblica e deve tener conto della capacità delle acque ad assimilare, per diluizione o per auto depurazione, i residui scaricati. Gli aspetti sociali ed economici dei metodi di trattamento delle acque rivestono a questo riguardo una grande importanza.

  1. La conservazione di una copertura vegetale appropriata, di preferenza forestale, è essenziale per la conservazione delle risorse idriche. E’ necessario mantenere la copertura vegetale, di preferenza forestale, oppure ricostituirla il più rapidamente possibile ogniqualvolta essa è stata distrutta. Salvaguardare la foresta costituisce un fattore di grande importanza per la stabilizzazione dei bacini di raccolta e per il loro regime idrologico. Le foreste sono d’altra parte utili tanto per il loro valore economico che come luogo di ricreazione.

  1. Le risorse idriche devono essere accuratamente inventariate.

L’acqua dolce utilizzabile rappresenta meno dell’1 per cento della quantità d’acqua del nostro pianeta ed è molto inegualmente distribuita. E’ indispensabile conoscere le disponibilità di acqua di superficie e sotterranea, tenuto conto del ciclo dell’acqua, della sua qualità e della sua utilizzazione. Per inventario si intenderà il rilevamento e la valutazione quantitativa delle risorse idriche.

  1. La buona gestione dell’acqua deve essere materia di pianificazione da parte delle autorità competenti. L’acqua è una risorsa preziosa che ha necessità di una razionale gestione secondo un piano che concili nello stesso tempo i bisogni a breve ed a lungo termine. Una vera e propria politica si impone nel settore delle risorse idriche, che richiedono numerosi interventi in vista della loro conservazione, della loro regolamentazione e della loro conservazione, della loro regolamentazione e della loro distribuzione. La conservazione della qualità e della quantità dell’acqua richiede inoltre lo sviluppo e il perfezionamento delle tecniche di utilizzazione, di recupero, di depurazione.

  1. La salvaguardia dell’acqua implica uno sforzo importante di ricerca scientifica, di formazione di specialisti e di informazione pubblica. La ricerca scientifica sull’acqua, dopo il suo uso, deve essere incoraggiata al massimo. I mezzi di informazione dovranno essere ampliati e gli scambi di notizie estesi a livello internazionale e facilitati dal momento che si impone una formazione tecnica e biologica di personale qualificato nelle diverse discipline interessate.

  1. L’acqua è un patrimonio comune il cui valore deve essere riconosciuto da tutti. Ciascuno ha il dovere di economizzarla e di utilizzarla con cura. Ciascun individuo è un consumatore ed un utilizzatore di acqua. In quanto tale egli ha una responsabilità verso gli altri consumatori. Usare l’acqua in maniera sconsiderata significa abusare del patrimonio naturale.

  1. La gestione delle risorse idriche dovrebbe essere inquadrata nel bilancio naturale piuttosto che entro frontiere amministrative e politiche.

  1. L’acqua non ha frontiere. Essa è una risorsa comune la cui tutela richiede la cooperazione internazionale. I problemi internazionali che possono nascere dall’utilizzazione delle acque dovrebbero essere risolti di comune accordo fra gli stati, al fine di salvaguardare l’acqua tanto nella sua qualità che nella sua quantità.

DA: 1° FORUM ALTERNATIVO MONDIALE DELL’ACQUA - DICHIARAZIONE CONCLUSIVA - PER UN’ALTRA POLITICA DELL’ACQUA - PROPOSTE E IMPEGNI - “MANIFESTO DEL FORUM ALTERNATIVO MONDIALE SULL’ACQUA.

Le cifre parlano da sole :

2,4 miliardi di persone vivono senza accesso ai servizi sanitari

1,5 miliardi vivono senza accesso all’acqua potabile sana

per conseguenza, 30.000 persone al giorno muoiono per malattie dovute all’assenza d’acqua potabile e di servizi sanitari

600.000 agricoltori bianchi dell’Africa del Sud consumano per scopi irrigui 60% delle risorse idriche del paese, mentre 15 milioni di cittadini di colore non hanno accesso all’acqua potabile

la metà dei villaggi palestinesi non ha acqua corrente, mentre tutte le colonie israeliane ne sono provviste

85% del volume delle acque dei fiumi in Francia è inquinato

il consumo giornaliero medio della popolazione dei paesi “in via di sviluppo” si aggira sui 20 litri. In Italia è di 213 litri, negli USA di 600 litri

il Brasile rappresenta l’11% delle risorse idriche dolci del pianeta ma 45 milioni di brasiliani non hanno ancora accesso all’acqua potabile

gli sprechi d’acqua sono enormi in tutto il mondo: 40% dell’acqua usata per l’irrigazione si perde per evaporazione; le perdite dell’acqua immessa negli acquedotti vanno dal 30 al 50%, anche nei paesi detti “sviluppati”; una lavatrice standard consuma in media 140 litri a ciclo, lo sciacquone tra 10 e 20 litri alla volta, un lavastoviglie 60 litri.

logo regione

varese4u logo

Plan what to see in Varese with an itinerary including Sacro Monte Unesco di Varese