Menu
A+ A A-

Terza Pagina

Santità, gradisce un brodino?

CopertinaBartolomeo Scappi, il cuoco dei ponteficiBartolomeo Scappi
Il volume di June di Schino e Furio Luccichenti racconta la storia dello "chef-scrittore" di Dumenza (Luino) che fece fortuna a Roma nel '500. La sua Opera è il libro più copiato della storia della gastronomia
Chi era veramente Bartolomeo Scappi, il cuoco luinese emigrato a Roma in cerca di fortuna e diventato cavaliere del Giglio e Comes Palatinus Lateranensis al servizio di quattro pontefici? Lo spiega il volume “Il cuoco segreto dei papi” di June di Schino e Furio Luccichenti (Gangemi Editore, 224 pagine, 35 €) che ricostruisce, sulla base di un'ampia ricerca archivistica e di un pregevole corredo fotografico in alta definizione, la vita del celebre «chef» del '500, descrivendo il ruolo e le vicende della Confraternita dei Cuochi e dei Pasticceri a cui apparteneva. Il libro, presentato nei giorni scorsi al Teatrino di via Sacco per iniziativa del delegato varesino dell'Accademia della cucina, Claudio Borroni, comprende un’antologia della monumentale Opera che Scappi scrisse al culmine... di Sergio Redaelli (segue)

logo regione

varese4u logo

Plan what to see in Varese with an itinerary including Sacro Monte Unesco di Varese