Menu
A+ A A-

CON LA FOTOGRAFIA PER LA LEGALITA'

MAGNANI FOTO

di felice magnani

Il professor Saverio Moretti del Liceo Scientifico Vittorio Sereni di Luino ha allestito con la sua classe un’ interessante mostra fotografica per richiamare l’attenzione su un fenomeno, l’illegalità, che si è andato diffondendo a macchia d’olio soprattutto in questi anni. I ragazzi hanno partecipato con grande entusiasmo. Il Liceo Sereni di Luino è una scuola sempre in campo nella diffusione e promozione dei valori. In questi tempi si parla molto della scuola e dei suoi problemi, ma si parla forse troppo poco della sua azione educativa, dell’impegno con cui una classe docente lasciata spesso in balia di un’inaccettabile solitudine esistenziale riesca ad accompagnare i giovani in una presa di coscienza che li faccia sentire protagonisti non solo della vita scolastica, ma come creatori e promotori di formazione e di educazione civica. Il professor Saverio Moretti è una figura di spicco del Liceo Sereni di Luino, dal 2001 insegna lettere ai ragazzi, li coinvolge sistematicamente su temi e problemi che accentuano la loro aspirazione a essere competitivi, presenti, attivi e capaci di affrontare con entusiasmo e passione i banchi di prova della scuola e della vita. La mostra fotografica sulla legalità ne è la conferma.  Due le categorie in campo, Riflessi e Illegal, due modi di vedere, scoprire e mettere a fuoco uno dei fenomeni più diffusi del nostro tempo. L’osservatorio giovanile è andato oltre le previsioni, dimostrando quanto sia importante saper muovere le corde di un mondo, quello dei giovani, animato dalla volontà di dimostrare la propria attenzione ai problemi.  I giovani del professor Moretti hanno investigato, varcando muri e confini, si sono tuffati nei contrasti, nelle brutture del mondo e nelle sue bellezze, con quel desiderio e quella spontaneità che solo i giovani hanno, quando sono stimolati a essere e a fare. Nella categoria Riflessi si è imposta Tiffany Talamona, 1B, con la foto numero 20, intitolata IL PENSIERO ADOLESCENZIALE, premiata con la seguente motivazione: “Per l’originalità del soggetto  fotografato e del punto di osservazione, nonché  per la progettazione della scena e dello scatto”. Per la categoria Illegal si è classificato primo Matteo Andreoli 5ALC, con la foto numero 2, dal titolo, NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE e con la seguente motivazione: “Per il suo messaggio estremamente attuale, il gioco di luci e ombre e per la costruzione del soggetto”. Per la partecipante più giovane il premio è andato a Beatrice Fazzi, SC. SEC.1° grado, Castelveccana, 29/10/2006.