Menu
A+ A A-

PARLIAMO DI SICUREZZA

di felice magnani

La sicurezza è un valore fondamentale e come tale richiede di essere insegnato, appreso, coltivato, consolidato, potenziato e messo in atto sempre, soprattutto quando i tempi sono difficili e hanno bisogno del contributo di tutti, nessuno escluso. Ci sono forze istituzionali che hanno il compito di garantirla, di proteggerla, ma ci sono anche comportamenti sociali che, se capiti e condivisi, possono aiutare le istituzioni nei loro compiti. Coltivare la sicurezza significa infatti crescere come cittadini, diventare espressione viva di quella Costituzione che è il simbolo della forza morale di un popolo. La sicurezza è un valore che richiede una manutenzione costante, richiede che il cittadino applichi con serietà le regole di una corretta vita comunitaria e che non si stanchi mai di farlo. Non bastano le regole scritte, bisogna metterle in pratica, bisogna dimostrare che la forza della legge sta soprattutto nella sua corretta applicazione, nella sua capacità di farsi capire, leggere, amare, cosa non sempre facile e scontata. Possiamo mettere a disposizione del cittadino le cose più belle e preziose del mondo, ma se non abbiamo prima spiegato il loro significato, la verità non sarà mai credibile, resterà sempre un fantasma impossibile da incarnare. Ancora oggi c’è chi crede che la sicurezza sia solo un valore legato all’ordine pubblico imposto, dimenticando che è prima di tutto un valore personale acquisito e messo in pratica sempre, senza se e senza ma. Delegare, demandare ad altri è una situazione di comodo, il cittadino è il primo coltivatore attivo del seme della sicurezza sociale, è con il suo comportamento responsabile che determina il valore e la consistenza dello spirito comunitario. In molti casi l’insicurezza nasce da comportamenti individuali e collettivi inadeguati, che si legano a interessi di parte, a un’endemica incapacità di cercare di capire i bisogni e le necessità dell’essere umano e di convogliare positivamente le sue risorse verso un’autorevole presa di coscienza. Nell’idea di sicurezza tutti hanno responsabilità, tutti concorrono in eguale misura a definirne la sostanza, la capacità di migliorare la qualità della vita individuale e comunitaria. Sicurezza dunque come senso di responsabilità individuale e collettivo, come stile di vita, come capacità di incidere sulla qualità stessa della vita, evitando di costruire muri e ostacoli che la possano confinare o peggio ancora svilire e vuotare di contenuti umani e morali. E’ nella collaborazione che lo stile di vita si esprime e che fissa i punti cardine della comunità sociale, è attraverso un profondo e capillare processo educativo che i valori prendono forma. Vivere in sicurezza significa capire il ruolo che si è chiamati a svolgere, saperlo leggere, interpretare e applicare nell’interesse della collettività. Certo non è sempre facile, ma la famiglia e la scuola possono determinare un salto di qualità, facendo crescere ogni giorno quell’attenzione e quella cura che sono aspetti fondamentali di una comunità che vuole vivere e operare senza paura, con la convinzione che a ciascuno sia consegnata una piccola, ma fondamentale parte di responsabilità sociale.

logo regione

varese4u logo

Plan what to see in Varese with an itinerary including Sacro Monte Unesco di Varese