Menu
A+ A A-

Tra città e campagna: l’Insubria festeggia la “Notte della Geografia”

brinzio

Il 5 aprile, l'ateneo aderisce alla manifestazione europea scegliendo un comune che meglio rappresenta la duplice anima contadina e cittadina. Ricco il programma

Dialogo tra città e campagna. È il tema che l’Università dell’Insubria ha scelto per la terza edizione della Notte europea della geografiapromossa dall’Unione Geografica Internazionale e dall’Associazione delle Società Geografiche Europee e, in Italia, dal Coordinamento delle associazioni geografiche nazionali.

Museo Cultura Rurale Prealpina a Brinzio  (inserita in galleria)

Museo Cultura Rurale Prealpina a Brinzio  (inserita in galleria)

Museo Cultura Rurale Prealpina a Brinzio  (inserita in galleria)

Museo Cultura Rurale Prealpina a Brinzio  (inserita in galleria)

I docenti della neonata cattedra di Geografia, del corso di laurea in «Storia e storie del mondo contemporaneo», hanno scelto di raccontare questi «due mondi che storicamente si attirano e si ricusano – spiega il geografo Giuseppe Muti – che sembrano così lontani e indipendenti come i paesaggi stereotipati che li raffigurano, e invece sono inseparabili nel loro complesso continuum, storico, politico e territoriale». 

La sera del 5 aprile, appuntamento, quindi, a Brinzio, uno dei più caratteristici borghi rurali della provincia di Varese, inserito nel Parco Regionale Campo dei Fiori:  «Brinzio incarna perfettamente il mondo culturale della campagna, che convive con quello cittadino in una costante rivoluzione lunare di attrazione e negazione» prosegue il docente.

Si inizia alle 16 con un’apertura speciale e gratuita del Museo della cultura rurale prealpina di via Trieste 24. Sempre alle 16, visita guidata nel borgo, tra i cortili e le suggestive botteghe del recente passato, dall’antico lavatoio alla bottega del fabbro, dall’essiccatoio delle castagne alla tettoia del maniscalco in riva al torrente.

Alle 17 è in programma «Fra campagna e città: luoghi e racconti della cultura rurale prealpina», che è anche il sottotitolo dell’evento: un dialogo aperto fra docenti e ricercatori dell’Insubria e i custodi delle tradizioni del borgo, con il sindaco di Brinzio Sergio Vanini, Roberto Piccinelli del Museo della cultura rurale, il filosofo Fabio Minazzi, lo storico Andrea Candela, la storica dell’arte Serena Colombo, il geografo Giuseppe Muti e alcuni membri dell’Associazione Insegnanti di Geografia di Varese.

Alle 18.30 proiezione del film «Il ragazzo di campagna» di Castellano e Pipolo, cult movie del 1984 di cui è protagonista il luinese Renato Pozzetto: il dibattito finale è condotto dal critico Andrea Bellavita e dallo storico Antonio Maria Orecchia.

Alle 21 si chiude con «Sapori e canzoni della cultura rurale prealpina»: una degustazione di salumi, formaggi e vino del territorio nel cortile del museo, in collaborazione con il circolo ricreativo brinziese Ur Grüpp, attivo dal 1874; solo per la degustazione è richiesto un contributo di 10 euro ed è gradita la prenotazione a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; in caso di maltempo si tiene nella sala grande del Comune.

logo regione

varese4u logo

Plan what to see in Varese with an itinerary including Sacro Monte Unesco di Varese