Menu
A+ A A-

Di Varese il nuovo successore del Cardinale Scola

prete

Il “varesotto” Monsignor Delpini attuale vicario generale della Diocesi ambrosiana è il successore del cardinal Scola. Scola che a novembre, per raggiunti limiti di età, aveva rimesso il mandato nelle mani di Papa Francesco, passerebbe quindi il testimone a un sacerdote nato e cresciuto nella diocesi di Milano e che il porporato stesso ha scelto come vicario generale e responsabile formazione permanente del clero. Un po’ come accadde quando Montini divenne papa Paolo VI e nominò come suo successore il cardinal Colombo, all’epoca vescovo ausiliare della diocesi meneghina. Si tratterebbe di un grande segno di continuità, Scola e Delpini, infatti, pur essendo profondamente diversi, in questi anni hanno strettamente collaborato. Monsignor Mario Delpini, che il 29 luglio compirà 66 anni, è nato a Gallarate ed è cresciuto a Jerago. Il percorso scolastico lo ha portato a risiedere al Collegio De Filippi, mentre frequentava il ginnasio, e poi a Venegono Inferiore per frequentare il liceo classico. Ordinato prete nel 1975, è laureato in lettere all’Università Cattolica, ha ottenuto la licenza in teologia e poi il diploma in Scienze patristiche all’Istituto Patristico Augustinianum di Roma. Ha insegnato greco e patrologia nei seminari di Seveso e Venegono Inferiore: di quest’ultimo è stato anche rettore per poi diventare rettore nel quadriennio teologico e successivamente rettore maggiore. La nomina a vescovo li venne dal cardinale Tettamanzi, in precedenza lo aveva designato quale vicario della Zona pastorale VI di Melegnano.