Menu
A+ A A-

Partono finalmente i lavori in via del Ceppo, dopo 130 giorni di chiusura della strada.

unnamed

Si è aperto finalmente il cantiere che, dopo molte polemiche, porterà alla riapertura di via del Ceppo, la principale via d’accesso per abitanti, ristoratori e turisti al Borgo Sacro, chiusa dal 9 febbraio scorso in seguito a una frana staccatasi dalla parete di roccia che sovrasta la strada.

L’azienda vincitrice del bando ha iniziato i lavori lunedì 19 giugno, con operai specializzati provenienti dal Trentino, in un intervento complesso ma che punta a risolvere definitivamente il problema: nei prossimi giorni si procederà alla pulizia del versante e alla rimozione del materiale pericolante, in seguito saranno posizionate le reti di contenimento sull’intera parete rocciosa anche con l’ausilio di un elicottero.

“Un intervento di ordinaria amministrazione” dicono i lavoratori della Cospef srl, la ditta di Busalla (Genova) che ha vinto la gara di appalto, effettuando un ribasso choc di 67mila euro su un lavoro che oggi, dopo quello sconto, vale circa 65mila euro

I lavori, dicono, saranno consegnati in cinquanta giorni (ma si farà il possibile per consentire il passaggio almeno pedonale al di fuori degli orari del cantiere non appena si potranno assicurare le necessarie condizioni di sicurezza), meno di due mesi dunque, per liberare il Sacro Monte da questa costrizione che ha creato anche polemiche politiche. Lo stato della roccia appare in realtà abbastanza normale per materiali del genere, si tratta di un costone calcareo e di un tratto che è meno di 100 metri di parete.

Nel primo pomeriggio l’assessore ai Lavori Pubblici, Andrea Civati, dopo aver svolto un sopralluogo al cantiere, ha dichiarato: «Abbiamo incontrato la ditta che ha aperto il cantiere, cui abbiamo chiesto la massima celerità nella realizzazione dell’intervento. Il bando reso necessario dalla tipologia e dai costi dei lavori ha comportato un prolungamento delle tempistiche non dipeso dall’amministrazione. Per questo percorso i tempi minimi sono tre mesi dallo stanziamento dei fondi: abbiamo rispettato tutti i tempi tecnici previsti dalla legge ed ora finalmente si parte». Si spera che la “massima celerità” voluta dall’amministrazione comunale, questa volta porti ad un lavoro fatto bene, e non come i lavori dello scorso novembre, che chiusi con lodi in anticipo, hanno portato alle frane di questi mesi.

Sul rilancio del Sacro Monte, Civati ha confermato come esso resti un punto qualificante del programma della giunta: «La priorità assoluta ora è riaprire velocemente Via del Ceppo. Poi con diverse associazioni abbiamo organizzato un’estate con tanti eventi qui al Sacro Monte, con la funicolare aperta anche di sera. Il rilancio complessivo del borgo è decisamente un obiettivo della nostra amministrazione, ma in questo momento risolvere la situazione di emergenza creatasi è il nostro primo pensiero». Successivamente Civati ha incontrato la titolare Lara Tedeschi del Ristorante Montorfano, alla quale ha assicurato il massimo impegno dell’amministrazione nel ridurre al minimo i disagi durante il periodo dei lavori, ribadendo le sollecitazioni fatte alla ditta per portarli a termine nel più breve tempo possibile. La ristoratrice, sollevata dall’avvio del cantiere, ha rimarcato comunque il fatto che la stagione turistica al Sacro Monte è ormai ampiamente compromessa.