Menu
A+ A A-

Discarica Campo dei Fiori: spuntano dal terreno anche armi da fuoco

Sabato mattina, il 18 febbraio, un gruppo di volontari cittadini si è recato nei boschi del Parco dei Fiori, in prossimità del Sacro Monte, per raccogliere un po’ di immondizia abbandonata. Tra una svariata serie di oggetti di diverso ingombro, abbandonata da numerosi concittadini incivili, sono state trovate delle trappole per la caccia al cinghiale. Avvisata la guardia forestale, è stato fatto un secondo sopralluogo nella zona, ed oltre alle trappole, dal terreno, è spuntata anche una vecchia mitraglietta arrugginita.

L’arma completa di caricatore è stata subito consegnata ai carabinieri di via Saffi, che attraverso il numero di matricola (al momento illeggibile per via della ruggine) cercheranno di capirne qualcosa di più. Certo è che non si tratta di un residuato bellico, ma di una più recente arma in uso all’esercito israeliano. Le prime unità furono prodotte nel 1950 dalla Israel Military Industries e, a partire dal 1960, dalla belga Fabrique Nationale de Herstal.

L’arma, le cui caratteristiche costruttive la rendono adatta per tiri a raffica, venne utilizzata per la prima volta nel 1954 dalle forze speciali israeliane. Successivamente, nel 1956 e nel 1967, venne impiegata durante la guerra dei sei giorni contro le truppe egiziane.

Curioso venire a sapere che proprio qualche giorno fa, a Casoria, sia stato scoperto un arsenale, tra cui vi era anche una mitraglietta Uzi. Arma che parrebbe poter essere detenuta legalmente solo per difesa personale dimostrandone il bisogno (per esempio, dai portavalori).