Menu
A+ A A-

Restaurato per Natale il secondo arco della Via Sacra

Come nuovo (o quasi), malgrado risalga al17esimo secolo. È il secondo arco del viale delle cappelle, quello dedicato a San Carlo, che negli ultimi mesi è stato oggetto di un prezioso intervento di restauro terminato pochi giorni fa. La struttura apre la serie dei misteri dolorosi, dove il percorso verso il borgo mariano si restringe e si fa ripido introducendo alla riflessione su passione e morte di Cristo. Costata 45mila euro e finanziata da Ubi Banca, la riqualificazione è stata progettata dallo Studio Redaelli e affidata a Icsa, azienda di Sesto Calende attiva nel settore del recupero conservativo di beni culturali. L’arco appena restaurato si trova subito dopo la quinta cappella e prende il nome dalla vicina statua di San Carlo benedicente che risale al 1.651. Autorizzato dalla Soprintendenza alle Belle arti di Milano, l’intervento ha interessato gli intonaci, gli elementi in pietra di Viggiù e le coperture delmonumento seicentesco: in particolare, i lavori si sono rivolti al recupero e al consolidamento delle porzioni della struttura in procinto di distacco e al restauro della superficie decorata, che risultava compromessa a causa della continua esposizione agli agenti atmosferici. Il restyling ha così permesso di restituire una lettura unitaria dell’opera e della sua originaria decorazione. "I segni di ammaloramento erano evidenti - spiega l’arciprete del Sacro Monte, monsignor Erminio Villa -. Abbiamo così sollecitato un intervento e chiesto la disponibilità di uno sponsor: Ubi Banca ha risposto favorevolmente, e in meno di tre mesi si è potuto restituire ai fedeli un arco di San Carlo completamente rinnovato". Ma non è finita qui, perché con l’anno nuovo la parrocchia del borgo mariano enuncerà nel dettaglio il piano di manutenzioni programmate sul viale delle cappelle, serie di interventi che si pongono l’obiettivo di monitorare lo stato del patrimonio monumentalein modo da poter intervenire tempestivamente su eventuali situazioni critiche.

Tratto da Il Giorno del 17/12/16