Menu
A+ A A-

Mostra Alioli-Pogliani a Brinzio

BRINZIO – Mario Alioli e Luigi Pogliani al Museo della cultura rurale prealpina. La mostra, organizzata da Franco Prevosti, sarà inaugurata sabato 4 maggio alle 18 per ricordare due artisti che sono stati molto legati al paese: l’uno con l'illustrazione dei mestieri, l'altro con le sculture che descrivono la vita di mezza montagna. La rassegna resterà aperta fino al 26 maggio.

Mario Alioli (9 maggio 1928-12 ottobre 2011), artista di professione, inizia a dipingere grazie all’incoraggiamento di una vecchia maestra che gli regalò dei colori a olio. Non termina l’Accademia di Brera ma prende al Centro Italiano della Moda di Torino l’abilitazione per l’insegnamento. Diventa così professore di arti applicate dal 1960 al 1975 nelle scuole di Varese, Busto, Saronno e Gallarate. Alioli fonda nel 1985 la “galleria a cielo aperto” di Boarezzo, intitolata alla memoria dei grandi maestri del passato, Giuseppe Grandi e Odoardo Tabacchi. Profondamente legato al suo territorio ci ha regalato opere di straordinario impatto parlandoci di religione, vita contadina, metafisica dechirichiana e città per lui importanti come Assisi, Venezia, Boarezzo e la stessa Varese. Forte importanza nella sua vita personale e artistica hanno avuto i bambini spesso presenti nelle sue opere e protagonisti dei corsi estivi “Piccoli artisti in Vacanza” tenutisi nel borgo di Boarezzo. Oltre alla pittura su tela si dedicò anche alla pittura murale, un esempio è l’affresco presente sulla Cappelletto di Brinzio, punto di ritrovo dei ciclisti con l’opera “I volti della leggenda”. Alioli si dedicò anche alla pirografia lasciandoci sorprendenti opere come il cavallo presente sulla porta d’ingresso della sua casa di Boarezzo e un presepe ligneo.

Luigi Pogliani (21 marzo 1943-10 agosto 2012) intaglia il primo pezzo di legno nel 1974 mentre è in vacanza con la famiglia in Val Antrona. Una testa d’uomo scolpita con un coltello da cucina e una battuta: “Maria, se va male posso fare lo scultore”. Antennista in Svizzera, Luigi Pogliani, scopre la sua vocazione artistica solo con l’arrivo della pensione, nel 1997. Inizialmente a distinguerlo è un tratto grezzo che dà vita a robuste figure strettamente legate alla ruralità del suo territorio e al suo paese, Brenta. Poi una sconvolgente modernità lo porta a sinuose e leggere forme. In pochi anni Pogliani scopre la sua vocazione e riesce a crescere artisticamente. La sua mente è in continuo fermento, nuovi progetti, nuovi stili, nuove materie da sperimentare con una predilezione per il legno e il profumo di segatura. Le sue opere spaziano dal sacro al profano da temi legati alla natura e all’uomo a momenti della vita quotidiana. Al paese di Brinzio Pogliani ha dato molto, era il 2003 quando, in occasione della festa “Brinzio in Cornice” regalò ai visitatori una performance di rara bellezza scolpendo da un tronco intero, scene di vita agreste. L’opera è stata poi donata al Comune di Brinzio ed ora esposta al Museo della Cultura Rurale Prealpina assieme ad altre sue opere a rappresentare il forte legame costruito negli anni.

 

Museo della Cultura Rurale Prealpina

Alioli e Pogliani

due Artisti per Brinzio

dal 4 al 26 maggio 2013

 

Museo della Cultura Rurale Prealpina

Via Trieste, 24

21030 Brinzio - Varese

Inaugurazione

Sabato 4 maggio ore 18

Orari

Sabato 14-19

Domenica 10-12 / 15-19

Giovedì 21-23

Eventi serali

Giovedì 9 maggio ore 21

Serata su Mario Alioli

Giovedì 23 maggio ore 21

Serata su Luigi Pogliani

Ingresso gratuito

Visite guidate

0332-435714

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

logo regione

varese4u logo

Plan what to see in Varese with an itinerary including Sacro Monte Unesco di Varese