Menu
A+ A A-

Sacri Monti tra identità e business

MASNAGO – Turismo dei valori. E' il progetto che si profila nei prossimi anni per i Sacri Monti della Lombardia e del Piemonte tutelati dall’Unesco. Un turismo attento da una parte a preservarne l’antica identità religiosa e popolare e, dall'altra, a sfruttare le potenzialità economiche in vista di un grande appuntamento commerciale come Expo 2015. Di questa apparente (o forse reale) contraddizione si è parlato al Castello di Masnago nel convegno sulle nuove strategie di valorizzazione turistica e culturale dei nove Sacri Monti di Varese, Ossuccio, Belmonte, Crea, Domodossola, Ghiffa, Oropa, Orta e Varallo.

Ospiti del convegno Giovanni Viganò della Bocconi di Milano e Giancarlo Pinto della Scuola Politecnica di Genova che hanno presentato due diversi studi sull’argomento.

In attesa di trovare gli strumenti operativi per valorizzare commercialmente i Sacri Monti nel loro insieme tutelandone l’immagine singola, il presidente degli Amici della Terra, Arturo Bortoluzzi, ne ha approfittato per chiedere a Palazzo Estense di provvedere a piccoli, ma urgenti problemi quotidiani come la sistemazione della strade del borgo di S.Maria del Monte che sono piene di buche e rabberciate alla bell’e meglio.

Altra priorità, per Bortoluzzi, è conoscere l’esito del sopralluogo alla balconata del Campo dei Fiori dove Gianni Trotta degli Amici del Sacro Monte ha denunciato il pericolo di crolli.

logo regione

varese4u logo

Plan what to see in Varese with an itinerary including Sacro Monte Unesco di Varese