Menu
A+ A A-

IL CANNONE SCOMPARSO

Varese, 17 ottobre 2017

Un nutrito gruppo di membri e simpatizzanti dell'Associazione Amici del Campo dei Fiori, domenica 15 ottobre, ha percorso un itinerario alla scoperta delle sculture realizzate dal varesino Edoardo Caravati agli inizi del secolo scorso tra le rocce del monte Tre Croci, durante i lavori per la costruzione del Grand Hotel Campo dei Fiori.

Per molti anni una delle sculture più famose, cioè il Crocifisso con le tre Marie, era inserito nel muraglione sottostante il Piazzale del Cannone, ma da circa 2 anni è stato spostato al piazzale del Belvedere per evitare di essere danneggiato dal crollo che ha interessato parte del muraglione stesso.

Molti si sono accorti che ultimamente è sparito anche il cannone e la notizia dovrebbe invitare a fornire qualche informazione in merito, per non addossare all'indifferenza e all'incuria il motivo della sparizione, come già avviene per tanti reperti del periodo liberty e di tante sculture del Caravati presenti ormai solo nelle foto d'epoca.

Sul piazzale per ora sono rimasti i due proiettili di artiglieria.

Anche le centinaia di persone portate dal Fai alla visita del Grand Hotel hanno potuto apprezzare la bellezza di un'attrattiva turistica che meriterebbe una diversa accessibilità con il recupero della funicolare e della stazione liberty, abbandonati da oltre mezzo secolo: la spesa sarebbe inferiore a quella prevista per il rifacimento di un teatro cittadino.

Il Campo dei Fiori potrebbe ritrovare quel turismo, con relativo indotto economico, per ora apprezzato solo in occasioni particolari, durante le quali il collegamento viene realizzato con speciali navette fra il bivio del Sacro Monte o addirittura con la città.

Cordiali saluti.

De Maria Domenico