Menu
A+ A A-

Terza Pagina

QUANDO IL MOMENTO E’ DIFFICILE E BISOGNA SCEGLIERE UNA STRADA

t il bivio 950

di felice magnani

Ci sono momenti nella vita in cui occorre fare delle scelte e fare delle scelte non è mai una cosa semplice, implica riflessione, ragionamento, qualche volta rinuncia, ma non esiste nulla di così straordinariamente sicuro che possa definire o etichettare il tipo di scelta e non è sempre detto che la prima sia l’unica, di solito dietro scelte importanti c’è un percorso dentro il quale la vocazione prende corpo, si fa realtà, si riconosce e si lascia andare responsabilmente, fino alla totale dedizione di sé. Scegliere è pur sempre un atto di coraggio, una dimostrazione di forza e di carattere, la capacità di saper trovare dentro di sé il senso da investire nella vita che stiamo vivendo o in quella che ci accingiamo a vivere. Le difficoltà possono arrivare nei momenti più impensati, magari quando abbiamo investito forse troppo sulle nostre certezze, è per questo che la capacità di discernere quella che per noi potrebbe essere la verità da applicare riveste un’importanza fondamentale. Essere pronti e capaci di riflettere e investigare, non lasciarsi attrarre dall’inverosimile, far collimare sempre la volontà con un esercizio pregresso della realtà può essere d’aiuto, può essere la via per poter essere fermi e decisi, capaci di orientare positivamente la prua della vita. Oggi ci si lascia spesso coinvolgere, risulta sempre più difficile dimostrare sul campo una schietta determinazione di pensiero, una linea di condotta decisa, capace di trovare una risposta adeguata alle mille frantumazioni della verità, ci si trova spesso in mezzo al guado senza avere la spinta giusta per poterlo oltrepassare e così facendo si rischia di non scegliere e di lasciarsi scegliere da condizioni apparentemente audaci e confortevoli, ma in realtà prive di una esaustiva logica autarchica. Dietro una consapevolezza studiata c’è sempre una predisposizione valoriale, una capacità di saper vedere e osservare anche là dove la verità sembra assolutamente scontata. Mai come nei momenti bui della vita e della società diventa fondamentale saper scegliere, conservare la capacità di capire esattamente quale percorso sia più idoneo per rimettere in gioco la fiducia nelle proprie capacità e di finalizzarle, ristabilendo un senso, un significato, un progetto o un’idea che permetta di leggere con spirito libero e quindi critico la realtà che ci sfila innanzi. Ogni scelta è frutto di un livello di maturità raggiunto, nulla sfugge alla capacità umana di orientare la propria fiducia e la propria speranza, soprattutto quando sembra che tutto non abbia più volto, sprofondato in una sorta di esistenzialismo privo di prospettiva. Ritrovare una via è fondamentale per non rimanere vittime di pericolose forme di anonimia, la forza e la bellezza della vita stanno nella capacità di non fermarsi mai, di andare sempre avanti, mettendosi in gioco, mettendo in discussione anche ciò che si è sempre ritenuto inalienabile, ma sempre con l’accortezza di optare per una positività spiritualmente valida, mai prigioniera di materialismi senza frontiere. Ogni impedimento, ogni ostacolo, anche i momenti più difficili arrivano per ampliare lo sguardo, per non lasciarlo preda di un immobilismo senza orizzonti, dunque i muri esistono per essere scavalcati, per permettere di ritrovare il senso dell’immagine e quello della speranza, riaccendono il pensiero, il desiderio di andare oltre, di riconfigurare una realtà più confortevole e accogliente, che rimetta in moto la speranza. Saper scegliere è importante per non lasciare che il mondo si impossessi della nostra onestà, della nostra volontà, è importante perché alla fine di ogni percorso ne inizia sempre un altro, sul quale abbiamo l’obbligo di marciare con le destrezza di chi sa cosa vuole. Di solito è nei momenti difficili che si riscopre quella parte di umanità che avevamo riposto in balìa della polvere, è quando l’esistenza si fa dura che occorre andare persino controcorrente, contro lo spirito di chi abdica alla volontà di essere coerente. Oggi è più che mai difficile ristabilire una identità che abbia il sapore della verità, è diventato più facile predicare la propria mistificazione, anteponendo alla linearità di un pensiero o di un’azione l’interesse privato, quello che si associa facilmente alla comodità. Nella scelta c’è sempre il sapore di un ragionamento, di qualcosa che ci fa riflettere, che ci riporta ad antiche tradizioni, quando la vita non aveva bisogno di particolari fraintendimenti o manipolazioni, perché esprimeva le sue verità in un divenire quotidiano semplice e lineare al punto si sembrare persino banale. Nella scelta si nasconde la fonte della nostra felicità terrena, dell’equilibrio e dell’armonia, si tratta di un cammino che attiva la nostra inquietudine, orientandola verso una più gratificante presa di coscienza.  

logo regione

varese4u logo

Plan what to see in Varese with an itinerary including Sacro Monte Unesco di Varese